The 10 Most Unanswered Questions about Toys

Finding a New Hobby The technology that we have today has really changed the way that we live. There are very few people that do not have a smart phone or tablet. The trouble with tablets and smart phones is that it takes people out of the world that we live in as they spend too much of their time focused on their screen. But there really is so much in the world that you should want to see. There are a lot of technologies that can be used to help you to see more of the world around you. One way that you are going to be able to see more of the world is when you have your own miniature droid that has a camera attached to it. But because there are a lot of these available on the market, you might not know which one will be the best for you to buy. There are a lot of people that believe that a quadcopter is going to be the best style to buy. There are many toy droids that have recently been put on the market. There are a couple of reasons why a quadcopter has a superior design to a helicopter that is a similar size. For one thing, the four routers that are on a quadcopter make it so that it is easier for the person that is flying it to handle it. And because the four routers require the use of less kinetic energy, the owner of a quadcopter is going to have to do less maintenance. The great design of a quadcopter makes it so that it is the perfect thing for anyone with a droid hobby. One of the best things about owning a quadcopter is the ability to see things like never before. This is because you can attach a camera to it and fly it up to hundreds of feet in the air so that you can see the world from above. A quadcopter is the perfect thing to get anyone that has an interest in photography.
Study: My Understanding of Machines
If you have an interest in quadcopters, you are going to want to make sure that you are able to find the best one. You are going to able to find a lot of information on the internet that will help you to find the best quadcopter in the price range you can afford. Luckily the developments that have happened in the technology of droids over recent years has made it so that the price has gone down.
What You Should Know About Toys This Year
There are a lot of ways that you are going to be able to use technology to improve your life. You are going to find that a droid is a great thing to use to see the world. If you are going to be buying a droid, the best style to buy is a quadcopter.

Overwhelmed by the Complexity of Services? This May Help

Finding the Best Computer Services Having your own computer would really require repair services from the experts in due time. We cannot deny on this claim as we can see those people who owns one would always bring them to their favored technician to keep it working if something bad happened to it. Going to a technician is a must because they are the only people who will be able to make your computer in good condition if something is wrong with it. Also, you will appreciate how great their services are to you especially to your computer. The rest of this reading material will talk about the advantages that you will get if you are going to hire somebody who is capable of giving you the necessary services that you need to make your computer working again. That is why you are highly recommended to finish reading this article because it will be able to make you know the things that you will get from the services they render to your personal computer. First and foremost you should know that you will be able to have their assistance without paying too much for them. This is really true for the reasons that a lot of people would agree to this especially those who have tried hiring those people in the past. The next thing that we should realize is that you will never regret on the service they have rendered to you because of its accuracy. This is because they have studied and have cultivated their skills well which makes them really good in their work. Aside from that, they have exerted efforts in incorporating the best technology and machines that they can find to make their services accurate. A lot of people would really say that this is true especially those who have already been into their shops in the past. As an addition you will be contented on the pace of the services they provide to you due to their dedication. This is really true for the reason that many have already experienced in having their services in the past. And finally, you should know that you will be satisfied on the way they talk with you because it is important for them to talk with you concerning the technical problems that your PC is experiencing. For that reason, you will find it advantageous to your part because through the things that you have said to them will be of great help for their part to repair your computer as fast as they can.

How I Became An Expert on Companies

Services – My Most Valuable Advice

The Key to Attracting Large Numbers of Females

The natural male genetic code is undoubtedly designed with all the desire to catch the attention of a large amount of ladies as they will be able to in order to multiply and also continue the human being line. A large number of males, however, don’t have the competencies, knowledge, and / or natural gift to draw in females. Therefore, many opt to use the Tao of Badass for help in achieving this goal. As soon as you read a tao of badass review, you will swiftly discover why the program is extremely well-liked and how it has assisted quite a few men to actually achieve their individual objectives concerning a potential partner.

Examine Tao of Badass Reviews and you’ll find this unique Internet system offers everything a guy must have to figure out how to draw ladies to him. The development of skilled professional romance instructor Joshua Pellicer, this particular 150 page manual is the response of his personal struggles along with the opposite gender. Once he found he couldn’t draw in females, he chose to research the subject, searching for the secret to success.

He discovered a great deal of material and then utilized exactly what he learned to create his own method. After assessing the techniques on his own, he learned they really did wonders. Today he shares this information with other people therefore any male can certainly have ladies falling head over heels in love with them.

A great tao of badass review should go even further and describes exactly how this system will help a guy in every facet of his own everyday life. The goal of this system will be to increase an individual’s self confidence and quite a few tactics created by Joshua Pellicer are derived from genuine social scientific disciplines, so you’re able to feel at ease understanding they’ll actually work.

Exactly what makes this system work is that it goes beyond detailing how to find a woman, because some men learn this is not a problem. This program illustrates how to locate a meaningful partnership, if this is exactly what a person is searching for, and ways to keep the girl of your dreams, after you have the girl.

Even though some men will find they don’t see many benefits from this program, this is simply not the situation for the majority. The majority of guys discover they obtain a number of benefits making use of the program, regardless of whether they are simply presently a lady magnet. Give it a try yourself. Doing this guarantees you know precisely what you need to do to catch the attention of women and always keep those ladies you would like to for as long as you would like.

Getting To The Point – News

How Can Online Activities in Today’s Generation Help You? With all the years that have passed, the internet actions became a business program of people. Online games have been popular and the number of individuals playing and who wants to play is increasing. The online activities are now said to be products of technological innovation that can entertain individuals. Lots of reasons are there on why individuals perform online activities, to simply enjoy, to reduce stress and to learn more processes. However, some opinions say that studies focused more on task- focused technological innovation rather than entertainment- focused technological innovation, but the views are changing as time goes by and makes the entertainment- focused technological innovation more well-known than before. The reviews applied a method or system that helps individuals to have experience in the online entertainment things and to accept it. Through all of the assessments that have been conducted, it describes that the overall people, with their behaviour, standards and encounters really like enjoying on the internet actions for different period. A complete of 80 % people like this kind of entertainment. Guidelines, issues and other factors linked with it are mentioned by many buyers.
The Key Elements of Great Resources
Applications in the internet and other technological innovation that are relevant with pc have already achieved the level where it became well-known, and its types and aspects that are connected with it are commonly described such as several on the internet actions. Now that computer technology has been popular, online games can now offer greater things than the other years that have passed.
Case Study: My Experience With Websites
Several experts tested some of the online activities on how many individuals are playing nowadays. These experts evaluated several subjects when the players did not still perform and after they have already finished playing. Tests of interaction abilities and emotional tests have been made, together with writing abilities and information about the Online and its entertainment- focused technological innovation, which includes the online activities. While the examinations for psychological aspects did not have any important changes in the subject, there were conducted changes in the online communication skills of individuals and typing skills, with added knowledge about it, and added knowledge for individuals who still doesn’t know about the Internet aspects and with online games. Also, there are several online factors where you can make your own guidelines and words, create activities that you have in your mind and make your imaginations real in the game. When you are already done making your own game then you are not still satisfied of what you’ve done, then you can knock down all what you have made and start all over again for better effects. The application of Internet which is the online game is the type of program wherein it allows the people to be free and let out what they have on their thoughts.

Le 10 donne più cliccate di internet, ecco chi vince | 2014

Le 10 donne più cliccate di internet, ecco chi vince | 2014

Vito Savino

Le 10 donne più cliccate di internet, ecco chi vince | 2014

Iscriviti al feed:

Chicche Informatiche

Yahoo ha stilato la classifica delle belle più “cercate” sul web. Il risultato? Riserva più qualche sorpresa rispetto a ciò che immaginate amici lettori. A sorpresa, se cosi si può dire, Laura Torrisi le batte tutte, anche Belén Rodriguez. La bellissima attrice, ex (da qualche mese) di Leonardo Pieraccioni, è il personaggio femminile più cliccato della rete, sempre in base alla classsifica stilata da Yahoo.

Secondo posto per Raffaella Fico, sempre al centro del gossip per gli incontri “riappacificatori” con SuperMario Balotelli, risale la classifica passando dal 7 posto dello scorso anno al podio.

Novità 2014 sono le nostre fashion blogger d’eccellenza Chiara Ferragni e Chiara Biasi, campionesse di click e di like che conquistano rispettivamente la terza e la quinta posizione.

Ecco la top ten:

1 Laura Torrisi

laura torrisi

2 Raffaela Fico

raffaella fico

3 Chiara Ferragni

chiara ferragni

4 Claudia Pandolfi

5 Chiara Biasi

6 Sabrina Salerno

7 Kasia Smutniak

8 Paola Caruso

9 Pamela Camassa

10 Belen Rodriguez

Powered by WPeMatico

Classifica migliori app android 2014 !

Classifica app android (2014) 


  1. Agent (Gratis) : Strumenti – Assistente personale.
  2. BitTorrent Sync (Gratis) : Produttività – Sincronizzazione file tra diversi dispositivi.
  3. CBS Sports (Gratis) : Sport.
  4. Chrome Remote Desktop (Gratis) : Strumenti – Controllo computer da remoto.
  5. Circa News (Gratis) : Notizie e riviste.
  6. CloudMagic (Gratis) : Comunicazione.
  7. ConvertPad (Gratis) : Strumenti – Convertitore di unità.
  8. Current Caller ID (Gratis) : Comunicazione.
  9. EndlessTV (Gratis) : Intrattenimento – Streaming di video, TV e news.
  10. ES File Explorer (Gratis) : Produttività – Gestore di file.
  11. Fandango Movies (Gratis) : Intrattenimento – Guida ai film.
  12. Flipboard (Gratis) : Notizie e riviste.
  13. Gas Guru (Gratis) : Viaggi e info locali – Trovare distributori gas.
  14. Get Sh*t Done! (Gratis) : Produttività
  15. Google Docs – Google Sheets (Gratis) : Produttività – App di Google per documenti e fogli di calcolo.
  16. Google Keep (Gratis) – Produttività – Gestire e prendere appunti e note.
  17. Google Translate (Gratis) : Strumenti – Traduttore di lingue.
  18. Google Wallet (Gratis) : Finanza – Portafoglio digitale.
  19. Holo Bulb (Gratis) : Strumenti – Torcia.
  20. Hotel Tonight (Gratis) : Viaggi e info locali – Prenotazione di hotel.
  21. IFTTT (Gratis) : Produttività – Sincronizzazione automatica tra servizi web.
  22. iSyncr for iTunes (3.99 euro) : Musica e Audio – Sincronizzazione musica iTunes su Android (Windows o Mac).
  23. Life Time Alarm Clock (Gratis) : Strumenti – Allarme/orologio.
  24. Link Bubble (Gratis) : Personalizzazione – Browser personalizzato.
  25. Mailbox (Gratis) : Produttività – Gestione email.
  26. Microsoft Office Mobile (Gratis) : Produttività – Suite app da ufficio per Android.
  27. Personal Finance (Gratis) : Finanza – Gestione soldi e investimenti.
  28. Notification Toggle (Gratis) : Strumenti – Personalizzazione notifiche.
  29. Open Table (Gratis) : Stile di vita – Scoprire e prenotare ristoranti.
  30. Photo Editor by Aviary (Gratis) : Fotografia – Editor di foto.
  31. Pocket (Gratis) : Notizie e riviste – Per salvare notizie da leggere in un secondo momento.
  32. Pocket Casts (2.99 euro) : Notizie e riviste – Per ascoltare podcast.
  33. Power Bubble – Spirit Level (Gratis) : Strumenti – La migliore app livella.
  34. Remember the Umbrella (Gratis) : Meteo – Informa se piove o no.
  35. RoadNinja (Gratis) Viaggi e info locali – Per conoscere i negozi nelle vicinanze di un percorso.
  36. Secret (Gratis) : Social – Condividere messaggi in forma anonima.
  37. Shazam (Gratis) : Musica e Audio – Per identificare musica.
  38. ShopSavvy Barcode Scanner (Gratis) : Shopping – Scanner per codici a barre
  39. Songkick Concerts (Gratis) : Musica e Audio – Per scoprire i concerti della tua musica preferita.
  40. Spotify (Gratis) : Musica e Audio – Streaming di musica.
  41. Stitcher Radio (Gratis) : Musica e Audio – Radio in streaming e podcast.
  42. Sunrise Calendar (Gratis) : Produttività – Calendario.
  43. Swype (2.91 euro) : Produttività – Tastiera.
  44. TripIt (Gratis) Viaggi e info locali – Per organizzare viaggi.
  45. Triposo (Gratis) Viaggi e info locali – Guida ai viaggi.
  46. Umano (Gratis) Notizie e riviste – Legge le notizie scritte su internet.
  47. Valet (Gratis) : Trasporti – Per ricordare dove avete parcheggiato la macchina.
  48. Weather Underground (Gratis) Meteo – Previsioni del tempo.
  49. Yelp (Gratis) : Viaggi e info locali Per scoprire luoghi di interesse, con informazioni e commenti.
  50. Zedge (Gratis) : Personalizzazione – Per personalizzare il cellulare con sfondi, suoneri, suoni per notifiche,…

Powered by WPeMatico

Amici come noi : Pio & Amedeo

Amici come noi (2014) :


 Locandina Amici come noi

Pio e Amedeo sono due grandi amici che gestiscono a Foggia un negozio di pompe funebri high tech dal nome Hai l’Under (spelling foggiano di Highlander). Pio sta per sposare Rosa, una maestrina locale, ma tramite Amedeo scopre che in rete circola un video hard in cui appare la ragazza. Pio e Amedeo decidono allora di lasciare la cittadina pugliese (Fuggi da Foggia è la canzone di sottofondo) dirigendosi prima a Roma e poi a Milano.
Operazione assai più produttiva che registica, Amici come noi cerca di mixare due delle scommesse vincenti della Taodue di Pietro Valsecchi: le commedie di Checco Zalone e quelle de I soliti idioti (il regista di Amici come noi, Enrico Lando, ha diretto tutti gli episodi televisivi di Biggio e Mandelli e i loro due film). Dunque come nel cinema di Checco abbiamo qui due “tipi etnici” che portano al Nord, e ad un certo punto anche all’estero, la loro “pugliesità”; e come in quello de I soliti idioti una sequela infinita di gag brillano per demenzialità, a tratti becera. Il copione, scritto a sei mani (fra cui quelle dei due interpreti), è interamente già visto, non mancano le strizzatine d’occhio a Mediaset e al suo proprietario (dalla citazione di C’è posta per te ai riferimenti al grande Milan, con tanto di calcio dell’asino a Galliani) anche se per fortuna le volgarità restano contenute. E qualche risata scappa, se ci si abbandona allo swing surrealmente kitch della vicenda.
Amici come noi ha due frecce al suo arco: la prima è il ritmo comico con cui Lando gestisce le scene, passando da una situazione a quella successiva con un discreto senso di hellzapoppin’, complice anche la tendenza all’improvvisazione dei due protagonisti. La seconda è la presenza di Amedeo Grieco, metà del duo comico che ha raggiunto la popolarità nazionale attraverso Le IeneAmici come noi è il suo one man show e l’attore “tiene” ogni singola scena con un’energia comica animalesca reminescente dell’Eddie Murphy dei tempi d’oro (quelli di Una poltrona per due, per intenderci).
All’interno di una confezione filmica improbabile, improntata alla pura ricerca del successo di cassetta, Grieco riesce a trasmettere una personalità insopprimibile e una componente carismatica, pur restando entro i confini della più tradizionale (e trita) macchietta del “trucido terrone”. Alla fine, Amici come noi è il suo film. E questo, quale che sia il risultato ultimo del film in sé, è degno di nota.

 –> Scarica Qui <–

Powered by WPeMatico

Colpa delle stelle 2014

Colpa delle stelle :

Locandina Colpa delle stelle

Hazel Grace ha 17 anni e vari tumori disseminati fra la tiroide e i polmoni. Augustus Waters ha 18 anni e una gamba artificiale, dovuta ad un incontro ravvicinato con il cancro osseo. Il loro è un colpo di fulmine, e ciò che li accomuna, assai più che la malattia, è il modo di vedere, e affrontare, la vita: con un sarcasmo mai incattivito e una parlantina densa di vocaboli complessi e fortemente evocativi.
Ciò che fa la differenza, nel best seller di John Green come nel film basato sul romanzo, è il “come raccontare una storia triste”: nel caso di Colpa delle stelle, attraverso le voci di Hazel e Augustus e il loro tono disincantato ma mai rassegnato fino in fondo. Il film, come il romanzo, sposa la loro visione del mondo, e fa innamorare gli spettatori dei due protagonisti rendendoli non oggetto di compassione (o di emulazione eroica) ma di empatia, e trattando la loro storia in modo non diverso da qualunque altro primo amore, ricco di quel respiro di assoluto e quell’idea di “per sempre” che li distingue da tutti quelli che li seguiranno (o no).
Josh Boone mette in scena il romanzo di Green con estremo rispetto e in punta di piedi, senza commettere l’errore di alterare fatti o personaggi in funzione del passaggio al grande schermo e senza prendersi libertà autoriali, il che soddisferà i fan del libro ma colloca il film in un terreno di grande (forse eccessiva) cautela. Colpa delle stelle rimane aderente alla parola scritta, al punto che l’eloquio di Hazel e Gus suona talvolta bizzarro quando diventa dialogo cinematografico. In compenso Boone lavora bene sul montaggio e sull’eliminazione di alcune scene ai fini della velocità del racconto, eliminando il superfluo e lasciando intatti i passaggi narrativi e i dialoghi (anche se talvolta spostandoli di luogo o di tempo). Boone usa in modo moderato e intelligente la voce fuori campo di Hazel, che nel romanzo è l’io narrante della storia, e molto del dialogo interiore della ragazza diventa immagine, come si conviene alla narrazione filmica.
Colpa delle stelle cammina con grande cautela sul filo che separa il melodramma dalla commedia romantica, alterna in modo intelligente gravitas e umorismo,pathos e leggerezza. Soprattutto, riesce a non indulgere smaccatamente nei topos di quel nuovo genere filmico (e letterario) che è il teenager cancer romance, ovvero la storia d’amore fra teenager malati (non solo di cancro), nonostante sia ampiamente disegnato per farci consumare svariati pacchetti dikleenex.
Il cinismo insito nella premessa di fare di una tragedia un veicolo commerciale è evitato soprattutto dall’interpretazione dei due attori protagonisti: Ansel Elgort è un Augustus appropriatamente impacciato e spaccone, e centra a perfezione quel sorriso di cui si parla per tutto il romanzo, a metà fra la seduzione e lo scherno. Shailene Woodley è di una dolcezza disarmante e di una sensibilità intelligente immediatamente intuibile attraverso il suo sguardo mobile e attento. Anche l’interazione fra i due attori appare spontanea e naturale, senza eccessive contraffazioni cinematografiche. E il casting di Willem Dafoe nei panni del cinico scrittore Peter Van Houten è un colpo maestro (nonostante la diversità fisica fra l’attore e il personaggio letterario): in poche scene, Dafoe aggiunge tutto il sottotesto doloroso che il romanzo impiega svariate pagine a comunicare.
Peccato per la continua sottolineatura musicale a base di teen soft rock che appartiene più alle dramedy televisive che al grande schermo. Ma è un difetto da poco per un film che soddisferà i fan del best seller letterario, più gratificati dalla fedeltà ai loro “eroi di tutti i giorni” che manipolati dalla macchina hollywoodiana.

–> Scarica Qui <–

Powered by WPeMatico




Locandina Maleficent

Un odio atavico separa i due regni confinanti, quello degli uomini e quello della Brughiera, abitato da fate e creature incantate. È in questo territorio magico che vive la piccola Malefica, in pace con tutti. Ed è qui che fa la conoscenza di Stefano, ragazzino suo coetaneo, abbastanza curioso e coraggioso da spingersi dove gli uomini non si spingono mai. La loro amicizia, man mano che crescono, lascia il posto all’amore, ma, quando a Stefano si presenta l’occasione di diventare re, egli non esita a tradire l’amata, ferendola nel modo più grave e scatenando in lei l’ira e il proposito di vendetta. Ne farà le spese la neonata Aurora, figlia di re Stefano e della regina, sulla quale Malefica scaglierà la nota profezia. Ma questa non è la storia della Bella Addormentata bensì quella di Malefica, la storia di una vittima che, da grande, troverà il modo di superare il male che le è stato inflitto da chi amava.
Era il 1959 e, dopo Biancaneve e Cenerentola, la Disney tornava a cimentarsi con una fiaba tradizionale, questa volta con un budget mai visto fino ad allora per un film animato. I tocchi da maestro si sono rivelati due: il disegno degli sfondi, firmato Eyvind Earle, e il personaggio della fata cattiva, quella non invitata al battesimo, che si presenta tra le fiamme per mettere un’oscura parola fine alla festa. Oggi, sono proprio quegli elementi a fare il film di Robert Stromberg, production designer premio Oscar, che della fedeltà all’immagine originale fa un punto di forza della sua opera, oltre che dell’opzione per un’estetica fantasy, che dona al film una personalità apprezzabile e una cornice medievale che riprende in qualche modo le linee gotiche del ’59. Ma la magia, in questa occasione, la porta interamente Angelina Jolie, incarnazione a dir poco perfetta della cattiva disneyana, anche e soprattutto nelle sfumature.
Ciò che può invece lasciare perplessi, di primo acchito, è la trasformazione di una figura nata per incutere il terrore, portatrice di una cattiveria indicibile, perpetrata per giunta sulla pelle dell’innocente per antonomasia (un essere umano appena nato e senza colpe), in una fata madrina dai tratti elegantemente dark, onnipresente, prudente e affezionata, financo spiritosa. Fermo restando che la stessa versione di Perrault e poi dei Grimm addolcisce di molto la fiaba nerissima messa alle stampe da Basile, la ragione di questo colpo di coda potrebbe non trovarsi solo nella volontà della casa di produzione di non spaventare troppo un pubblico di minori sempre meno abituati a fare i conti con le brutture del mondo, ma proprio nella dualità che il personaggio originale portava con sé -terrificante eppure così affascinante-, qui ingigantita ad incorporare la dualità che è propria di ogni madre. Basta pensare all’eliminazione pressoché totale della figura della regina in questo film (non si avvicina nemmeno alla culla), per capire che in questo romanzo di cappa e spada e di passione, di mamma ce n’è una sola, ed è Malefica. La fantasia tipica delle fiabe della matrigna (o fata) cattiva, che serve a preservare intatta l’immagine positiva della madre, qui viene riunita in un’unica figura, ed è proprio riconoscendo questa compresenza che Aurora lascia l’infanzia per scegliere consapevolmente il proprio destino (andandosi a cercare scientemente il fuso).
Siamo più vicini di quello che potrebbe sembrare alle conclusioni dell’Alice di Burton; la passività non è più cosa per le eroine di oggi; il sonno non dura che pochi minuti.



Powered by WPeMatico

300 : L’alba di un nuovo impero



300 : L’alba di un nuovo impero

                                                                                                      Locandina 300 - L'alba di un impero

Grazie al sacrificio alle Termopili dei 300 valorosi spartani guidati da Leonida, la Grecia ha una possibilità di resistere all’invasione dell’Impero Persiano. Ma la speranza è legata alla capacità di Temistocle, guida militare degli ateniesi, di riuscire a unire le città-stato indipendenti nella lotta per la libertà dell’Ellade e di contrastare con l’astuzia e le tattiche di combattimento la forza preponderante della flotta persiana.
300 – L’alba di un impero nasce da presupposti analoghi ma da una base di partenza totalmente diversa rispetto al suo predecessore. Dove il film di Zack Snyder prendeva spunto da una graphic novel già esistente – “300″ di Frank Miller, capolavoro della nona arte – per esaltarne i lati più spettacolari e metterli al servizio del progresso tecnologico, il sequel di Noam Murro (ma co-sceneggiato da Snyder) parte dal film precedente, e dalla mitopoiesi generata attorno ad esso, per anticipare e “immaginare” il fumetto. Quantomeno per il pubblico, visto che è probabile che ci sia stata più di una consultazione in fase di produzione con Frank Miller per allinearsi al suo ancora inedito “Xerxes”, sequel del 300 fumettistico.
La matrice è quindi quella estetica del film di Snyder, la bulimia narrativa è quella di Peter Jackson alle prese con l’adattamento di Tolkien: a prevalere è infatti la volontà di raccontare anche gli interstizi di una vicenda storica e insieme fantastica, riempiendo i vuoti con l’immaginazione. Processo che comporta la doppia complicazione di voler mantenere qualche brandello di fedeltà nei confronti della vicenda reale – rappresentare l’astuzia di Temistocle e lo spirito irripetibile dell’anomalia democratica di Atene – e insieme di concedersi la libertà di integrare in chiave spettacolare, senza che le due componenti risultino contrastanti. In questo senso è da leggere l’approfondimento di Murro sui condottieri persiani: Serse – il Dio-Re, di cui è raccontata una genesi vicina al mondo di Robert Howard e del suo eroe cimmero Conan – e Artemisia – diabolica guerriera ellenica assetata di vendetta nei confronti del suo popolo e incarnata dalla letale sensualità di Eva Green. Nel personaggio della Green, oltre che in quello di Lena Headey, regina di Sparta e vedova di Leonida, è immediato leggere l’influenza del successo di serie Tv come Game of Thrones e Spartacus e della loro rilettura in chiave contemporanea e libera da censure dell’estetica heroic fantasy. Un universo di muscoli, sangue e brutalità in cui le relazioni umane, gli affetti e il sesso sono consapevolmente ridotti a uno stato di amorale bestialità; una scelta che conferma il predominio della tecnica sulla creatività di uno spirito dall’aspirazione cross-mediale e dagli scopi perversi. Il cinema attinge dal fumetto, desaturando il più possibile la propria fotografia, per avvicinarsi anche visivamente alla pagina di Frank Miller, ma contemporaneamente guarda al videogioco e a una differente ripartizione, quantitativa e qualitativa, tra scene action e parti dedicate all’approfondimento dei personaggi.
La dittatura del CGI prosegue baldanzosamente il proprio corso, dopo aver toccato l’apice (e insieme il punto di non ritorno) con la trilogia de Il Signore degli anelli, verso una direzione opposta rispetto a quella dello stesso Jackson. Dove quest’ultimo ha scelto la strada della sensazione di straniamento iper-cinetico, con l’aumento dei frame per secondo di The Hobbit300 – L’alba di un impero insiste sul ralenti e sul frame-freezing per congelare il momento e sottolinearne così epicità e imprescindibilità. Un effetto stancante, reiterato all’inverosimile, allo scopo di dilatare la narrazione e preludere a un possibile terzo capitolo, in perfetta “sindrome da trilogia”, fardello che ha già fortemente gravato sulla coesione dei singoli capitoli di Peter Jackson. L’epilogo (bruscamente) tronco suona più come un auspicio di poter protrarre la narrazione che come un’effettiva consapevolezza di disporre ancora di storytelling, inventiva, nonché di un uditorio interessato, per poter effettivamente chiudere il cerchio della saga.



Powered by WPeMatico